domenica 9 ottobre 2016

Sono una donna, poi sono disabile. Intervista a Valentina Tomirotti

Sono onorata, per il 150esimo post di questo blog, di raccontarvi questa storia: la storia di una donna forte, quelle che piacciono tanto a me.

Chi mi segue è a corrente che da un anno frequento un corso di laurea in Inghilterra. 
La settimana scorsa durante la lezione di storia della moda abbiamo trattato un argomento che, lo ammetto, mi ha toccato fin da subito: la disabilità e la moda. Abbiamo parlato di come la moda comunica con le persone disabili, se in essa vengono rappresentati, qual è il rapporto tra sessualità e disabilità. Io non sono una persona disabile, ma sono stata malata e questo ha cambiato il modo in cui la gente esteriormente mi vedeva. Se c'è una cosa che, però, ho sempre pensato è che la vera disabilità sta nelle menti delle persone che, per dirla alla Mary Poppins, "non guardano più in là del loro naso". Si fermano alle apparenze e alla superficialità delle cose e soprattutto delle persone. Oggi io, e di conseguenza il mio blog, siamo onorati di ospitare ed intervistare la mente geniale di una donna. Perché citando lei stessa "prima sono una donna, poi sono disabile". Ed essere disabili non significa fermare la nostra vita, ma trovare mille motivi ed ingegnarsi per viverla fino in fondo. Lei si chiama Valentina Tomirotti, anche lei blogger, ha fondato Pepitosa Blog nel 2012. 
La descrivo solo con 3 parole: ironica, autentica, viva (e anche di una gentilezza unica). Le ho chiesto cosa pensasse del rapporto tra la moda e la disabilità e ci racconta anche di un progetto che dovrebbe interessare ogni donna.


Courtesy of Boudoir Disability


Nella società attuale come pensi vengano viste le persone affette da disabilità? 
Non voglio uniformare un discorso così importante, vero è che troppo spesso la disabilità è associata a qualcosa di astratto e si creano scuole di pensiero, dove il disabile viene considerato molto spesso entità da venerare per il proprio trascorso di vita, altre scuole invece non accettano la diversità delle persone e così giocano a prenderle di mira.

Ti è mai capitato di sfogliare una rivista di moda , o un giornale online moda e trovare delle campagne pubblicitarie che ritraevano persone disabili? 
Sì se penso a stampa o siti internazionali, mai o quasi mai sul territorio italiano. La disabilità in Italia non entra nel mondo della moda o se lo fa è attraverso pertugi di 2° classe o di minora importanza. Soprattutto la disabilità da noi se anche contagia la moda, viene censurata, nascosta o raccontata coprendola. Potrei farti l’esempio di un famoso marchio di lingerie che ha deciso di fotografare una ragazza disabile (ma fisicamente normale) vestita con un completino intimo, appoggiata ad un divano dove s’intravedeva una stampella coperta da un foulard.
 

La gente pensa che dovremmo stare a casa a piangere sui nostri problemi, hai qualche alternativa? Di quello che pensa la gente o certa gente dovremmo fregarcene, questo sarebbe il vero grande passo alternativo. Non è la loro vita, ma solo la nostra. Tirare fuori il nostro carattere. 

Pensi sia differente il modo di porsi sensualmente e sessualmente per una donna disabile ? Assolutamente sì, sia in termini fisici che a livello concettuale. Una persona disabile viene considerata il più delle volte, un’entità asessuata. Non sta a noi dover dimostrare il contrario, comportiamoci da persone normale. La normalità è la forma di accettazione migliore. 

Che rapporto pensi che abbia la moda con la disabilità? 
La moda guarda la disabilità con sospetto, soprattutto perché l’essere disabile non conferma certi canoni fondamentali e schemi mentali che vengono ogni giorno alimentati nel mondo patinato della moda. Qualcosa sta cambiando, ma sicuramente c’è tanto lavoro d’informazione da fare. Sfondare muri a colpi di realtà sociale.




 

Che cos'è Boudoir Disability? Qual è il messaggio?  
Boudoir disability è abbattere quei muri che ti dicevo prima, è un progetto di antidiscriminazione femminile per il binomio femminilità/disabilità. Tutto è partito con un servizio fotografico di me inlingerie. Il mondo del web e non solo ha poi capito che quelle foto da pugno alla stomaco, erano solo il mezzo per iniziare a scardinare un preconcetto sbagliato: anche chi è disabile può piacere, eccome.
Courtesy of Valentina Tomirotti

Cosa diresti alle giovani donne che non hanno ancora magari trovato il coraggio di accertarsi con i loro difetti? Non ho la presunzione di essere un modello di seguire, ma mi rendo conto di avere un bagaglio da raccontare che può essere utile ad altre donne che non trovano la serenità che meritano. Il mio consiglio è imparare ad ascoltarsi qualunque cosa abbiamo da dire.

Che rapporto hai con la tua femminilità ?
La mia femminilità è tutta lì da vedere o da scovare, sicuramente non è canonica, ma la curo e mi piace esaltarla in un modo equo al mio contesto di vita, senza esagerare ma nemmeno nascondendola. 
Courtesy of Boudoir Disability

E con la sessualità? 
La sessualità merita di essere vissuta in modo normale, accade tutto come a chiunque, se deve accadere, magari è pure meglio, chissà, di certo non mi reprimo, non ne vale la pena, è una delle esperienze più belle che la vita ci regala. 

la gente le definisce "immagini forti" tu ritieni che lo siano?
Si assolutamente ne sono consapevole ed era lì che volevo arrivare. Se non crei una rottura non fai breccia, non in questi temi. Bisogna osare, serve carattere e spalle larghe, ma poi la soddisfazione è ripagata attraverso tutte le donne che mi hanno scritto per ringraziarmi perché il mio coraggio ora è il loro, di mostrarsi così, perfettamente imperfette come sono.

Courtesy of Valentina Tomirotti






11 commenti:

  1. Conosco il blog di Valentina ed ho visto il progetto tempo fa: sono orgogliosa che ci siano persone tenaci e coraggiose come lei, sia sul web che intorno a noi :)

    Grazie per averla raccontata!

    RispondiElimina
  2. Conosco il blog della Vale ed è una persona fantastica con una forza incredibile!!

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo Valentina e il suo blog, ma da quello che ho potuto leggere in questa intervista, è una donna molto forte e coraggiosa! La ammiro!

    XOXO

    Cami

    Paillettes&Champagne

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post...conoscevo già le foto che hai pubblicato perchè le vidi su una rivista...un tema molto importante.

    RispondiElimina
  5. Ammiro molto la forza e la determinatezza di Valentina!
    Alessia
    Thechilicool

    RispondiElimina
  6. Valentina è una grande donna, ironica e con tante belle idee, è sempre un piacere seguirla anche qui in questa intervista che ci hai presentato!

    RispondiElimina
  7. Non lo conoscevo, mi ha lasciato senza parole!!!
    www.elisabettabertolini.com

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo il progetto e neppure Valentina. Non posso che ringraziarti per avermeli fatti scoprire entrambi: hai realizzato una splendida intervista, come ce ne vorrebbero molte altre.

    RispondiElimina
  9. Avrei da parlare e dire tantissime cose ma non posso fare un altro post nei tuoi commenti! Dico solo che ho letto tutto d'un fiato questo post e in molti punti mi ha toccato nel profondo, ammiro tantissimo questa Donna con la D maiuscola. Ci vuole un coraggio da leoni per essere così tanto sicuri di se stesse (disabilità o no) e per affrontare certi temi con questa grinta. La moda ha aiutato tantissime donne in momenti difficili, è un'arte che permette di esprimersi al meglio. Mi auguro che certe barriere vengano abbattute presto anche in Italia!

    Carmelita
    http://www.styleoffmymind.com

    RispondiElimina
  10. La seguo da tempo sui social, è un esempio di forza, determinazione e gioia di vivere. Da lei si può solo imparare! Bellissima. Hai fatto bene a parlarne!

    RispondiElimina
  11. Non la conoscevo, anche se avevo notato su di un giornale le foto che hai pubblicato.
    Che forza di donna Valentina!
    complimenti Vicky!



    The Fashion Coffee

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...